30 luglio - Appenzell

Share

ArPosso usare una sola parola per descrivere l'esperienza vissuta ad Appenzello: WOW!!!

Mentre il trenino si avvicina al capoluogo dell'Appenzellerland, la differenza rispetto alle altre cittadine visitate in questi giorni è flagrante. Fuori dal finestrino tutto è verde e le montagne maestose (rigorosamente col loro cappello di nebbia) mi osservano imponenti. Eccomi arrivato nella Svizzera profonda, in un luogo magico ricco di tradizioni e segreti custoditi gelosamente da anni, governato da una principessa che non invecchia mai grazie ai barili di birra che beve e servita dal piccolo popolo dei nani che si nascondono tra le montagne.

Come detto Appenzello è un luogo ricco di tradizioni. Prima di tutto, assieme a Glarona, è l'unico cantone dove si pratica ancora la Landsgemeinde. La domenica dell'assemblea popolare, che si tiene una volta all'anno, il popolo si riunisce nella piazza principale per votare, per alzata di mano, il governo e i giudici cantonali e tutto ciò che riguarda la politica del cantone.

Un altro evento importante ha luogo annualmente tra maggio e giugno: la salita all'alpe. Durante la più bella giornata dell'anno, animali e paesani partono a destinazione degli alpi. Ad aprire il corteo sono le capre, seguono tre mucche con al collo delle enormi campane seguite dal resto del gregge e in seguito gli altri animali. Per l'occasione tutti sono vestiti a festa e gli uomini aggiungo al loro tipico orecchino a forma di serpente il cucchiaio utilizzato per la scrematura del latte (spannatoio).

Oltre a questi, decine di altri eventi animano il resto dell'anno. I più importanti sono: il Silvesterkläuse (il capodanno giuliano), il carnevale, la domenica dei fuochi, le feste all'alpe, i concerti di musica appenzellese, i mercati e il pellegrinaggio a Stoss.

30 guaritori sono sparsi un po' in tutto il canton Appenzello e sono a disposizione per guarire, grazie alla preghiera e alle formule di guarigione provenienti dal medioevo, malattie del sangue e della pelle e verruche.

Come detto Appenzello è pure un luogo ricco di segreti come la famosa salamoia nella quale sono immersemle forme dinformaggio o il ricettario segreto utilizzato per la produzione delle birre appenzellesi.

Da vedere ad Appenzello

  • All'ente turistico è disponibile il classico libretto informativo che presenta, tra l'altro, un piccolo tour attraverso la città vecchia. Le case tipiche della regione e i vari negozi di souvenir e prodotti tipici vi accompagneranno lungo tutto il percorso.
  • Visita al bellissimo museo di Appenzello dove è possibile scoprire tutte le curiosità, segreti e tradizioni della regione.
  • La birreria Locher propone una visita gratuita nello spazio accoglienza. Grazie ad un'audioguida è possibile scoprire in 20 minuti la storia della birra, quella della birreria e l'interessante processo di produzione. È pure possibile organizzare pure una visita guidata per i gruppi con degustazione della birra.
  • È possibile visitare, nella regione, diversi caseifici che offrono, tra l'altro, la degustazione dei prodotti tipici.
  • Per quelli che amano la montagna, l'Appenzellerland propone diversi sentieri escursionistici sulle montagne limitrofe. La salita alla cima del Säntis (2502m) è uno dei classici.

Share