5 agosto - Svitto

Share

SzSvitto è una cittadina che ha conservato il suo spirito paesano e passeggiando per i vicoli storici del capoluogo è ancora possibile ammirare le sontuose case signorili del XVIII e del XIX secolo.

I cronisti del XV e del XVI secolo raccontano che il popolo degli "schwyzer" migrò da nord a causa di una grande carestia. La leggenda narra che Suit sconfisse in duello suo fratello Scheyo ed ebbe, tra l'altro, l'onore di dare il nome al paese appena colonizzato. Oggi, invece, gli studiosi fanno derivare il nome dalla radice germanica "sueit" che significa "ardere", "bruciare". Svitto sarebbe quindi il nome di una radura o di un dissodamento pre-alemanno.

Per rggiungere il centro della città è necessario prendere un bus dalla stazione FFS e scendere alla fermata "Schwyz Post".

Il tour del paese attraverso la città vecchia è, anche questa volta, rapido e piacevole. È possibile ottenere la cartina con il percorso all'ente turistico locale. Si inizia dalla piazza principale dove si trova un enorme palazzo tutto decorato e sul quale è raffigurata la battaglia di Morgarten. La vecchia torre, la chiesa dedicata a San Martino, il Chiostrondelle Suore e quello dei Cappuccini sono solo alcune delle tappe che il giro propone.

Il tour finisce davanti al museo dei patti federali. Il Patto Federale del 1291 è un documento storico unico che ha assunto grande importanza all'interno della storia nazionale. Nel museo dei Patti Federali è possibile fare un po' d'ordine in mezzo alle diverse storie e leggende che ruotano attorno anquesta pergamena; il Patto Federale è davvero il documento fondante della Confederazione? Quali sono gli eventi tramandati dalla storia nazionale, fatti di "Confederati", "Federazioni", "Giuramenti", "Battaglie" e "Eroi"? Il museo offre risposte a queste e ad altre domande.

Cosa vedere a Svitto

  • Il percorso proposto e la visita alla città vecchia sono un buon punto di partenza.
  • Da non perdere è la visita al museo dei Patti Federali (attualmente in ristrutturazione; riaprirà in settembre 2014). Nel parco del museo è comunque visibile l'enorme statua sulla cui base è inciso, nelle quattro lingue nazionali, il testo del Patto Federale del 1291.
  • Una visita alle case signorili (in particolare quella di Ital Redig).
  • Visita al museo storico di Svitto.

Share